Eventi SITeCS

New perspectives in pharmacology: from genetic to real life

Chiesa in V.co (So), 12-15 Aprile 2018
[continua a leggere]

Ipercolesterolemia familiare: diagnosi e terapia

Bologna, Roma, Milano
Novembre-Dicembre 2017

[continua a leggere]

ECM FAD

Ipercolesterolemia Familiare Omozigote: approcci diagnostici e terapeutici

[continua a leggere]

Il ruolo del controllo della colesterolemia nella prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari

[continua a leggere]

Area Soci

Newsletter

Per essere informati sulle novità di SITeCS iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo di posta elettronica

SITeCScareonline

Bookmark and Share

Sintomi muscolari e statine: evidenze di un effetto nocebo

30/08/2017 - Care. Costi della Assistenza e Risorse Economiche 2017;4


 

In una recente pubblicazione sul Lancet, Ajay Gupta e colleghi riportano un’analisi molto rilevante a sostegno del fatto che le statine non aumentano significativamente il rischio di dolore muscolare.

 

Alle stesse conclusioni sono giunti anche grandi studi randomizzati controllati e in doppio cieco, nei quali i sintomi correlati al muscolo sono stati generalmente riportati con frequenza simile da pazienti assegnati a statina e da pazienti in placebo.

 

A fronte di questi risultati, nella pratica medica quotidiana l’intolleranza alla statina riferita dal paziente, prevalentemente a causa dei sintomi muscolari associati alla terapia (statin-associated muscle symptoms, SAMS), è una condizione comune e difficile da gestire, che interessa milioni di pazienti in tutto il mondo.

 

Questo scenario clinico richiede opportune competenze da parte del personale sanitario, perché in questo contesto deve essere considerata la possibilità di un effetto nocebo. Per effetto nocebo si può intendere una serie di reazioni negative dell’organismo ad una terapia, non derivanti dai principi attivi insiti nella terapia stessa, ma dalle attese dell’individuo. In altre parole, è una conseguenza del fatto che il paziente si aspetta o crede che la terapia produca un determinato effetto avverso.

 

Questo atteggiamento potrebbe essere stato favorito dall’affermazione diffusa dai media che la terapia statinica provochi effetti collaterali in molti pazienti. La mancata smentita di tali affermazioni fuorvianti ha portato tra l’altro pazienti ad alto rischio di eventi vascolari o con malattie cardiovascolari conclamate ad interrompere la terapia.

 

 

L’angolo della SITeCS - Care. Costi della Assistenza e Risorse Economiche - 2017;4

Pdf dell'articolo (120kb) da Care 2017;4

 


Articoli pubblicati sulla rivista CARE - costi della assistenza e risorse economiche
nella rubrica  «L’angolo della
SITeCS»   disponibile all’indirizzo www.careonline.it