Eventi SITeCS

Ipercolesterolemia familiare: diagnosi e terapia

Milano, 11 Dicembre 2019

[continua a leggere]

Dyslipidaemias: present and future approaches to pharmacological intervention

Sorrento (Na), 9-10, November 2019
[continua a leggere]

ECM FAD

Ipercolesterolemia Familiare Omozigote: approcci diagnostici e terapeutici

[continua a leggere]

Il ruolo del controllo della colesterolemia nella prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari

[continua a leggere]

Area Soci

Newsletter

Per essere informati sulle novità di SITeCS iscrivetevi alla nostra newsletter inserendo il vostro indirizzo di posta elettronica

ECM FAD

Bookmark and Share

Terapia di combinazione nel trattamento delle dislipidemie

 

 

Razionale

 

Numerosi studi hanno ampiamente dimostrato la correlazione esistente tra alti livelli di colesterolo plasmatico (LDL”C) e patologie cardiovascolari, evidenziando l'efficacia clinica della terapia con statine in pazienti ad alto rischio e l'importanza di una marcata riduzione del LDL”C per minimizzare il rischio di eventi coronarici.

La attuale monoterapia con statine, che agiscono inibendo la biosintesi di colesterolo, porta ad un'efficace diminuzione dei livelli plasmatici di colesterolo; tuttavia per una significativa percentuale di pazienti ipercolesterolemici ad alto rischio, gli attuali schemi di trattamento non risultano efficaci per raggiungere il target di LDL”C.
Tra i pazienti ad alto rischio un'importanza particolare è riservata ai diabetici, la cui mortalità per eventi cardiovascolari è maggiore che nella popolazione generale; per tale motivo essi sono assimilati, dal punto di vista del controllo lipidico, ai pazienti con un pregresso evento cardiovascolare.
I pazienti affetti da alterazioni a carattere familiare del metabolismo lipidico sperimentano un significativo aumento del rischio di eventi cardiovascolari: in genere, nei gruppi familiari affetti, l'infarto miocardico o la morte improvvisa sono infatti molto più frequenti rispetto a quanto accade nella popolazione generale L'identificazione precoce di queste patologie è indispensabile per instaurare il trattamento aggressivo necessario per prevenire e/o limitare il danno dovuto alla prolungata esposizione a livelli molto elevati di lipidi plasmatici.
I più recenti dati della letteratura dimostrano che l'associazione di statine con inibitori dell'assorbimento del colesterolo intestinale, come ezetimibe, permetta di ottenere un più marcato effetto sulla riduzione della colesterolemia attraverso il meccanismo della “doppia inibizione”.
La combinazione di questi farmaci può rappresentare l'approccio terapeutico ottimale per il trattamento dell'ipercolesterolemia, soprattutto su questi pazienti ad alto rischio che non
riescono a raggiungere gli stringenti target terapeutici.

Questo corso si propone di affrontare in maniera approfondita le modalità di intervento terapeutico sulle dislipidemie nel paziente ad alto rischio cardiovascolare.

 

 

Programma:

Registrazioni audio/video con slide sincronizzate:

Introduzione • A.L. Catapano
La terapia di combinazione nelle dislipidemie • A. Corsini
- Discussione
Controllo della colesterolemia nel nefropatico • R. Pontremoli
- Discussione
Ipercolesterolemie familiari: il consorzio LIPIGEN • M. Averna

 

 

Materiale di supporto: (Documento in formato pdf)
• Atti dall'8° Congresso Nazionale SITeCS Brescia, 13-15 Marzo 2014
Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione GIFF 2014;6(Suppl 1)

 

 

Scheda del corso

 

Portale SITeCS dedicato alla FAD